La sconfitta di Novak Djokovic da parte di Cilic apre la porta ad Unibet come numero uno del mondo

La sconfitta di Novak Djokovic da parte di Cilic apre la porta ad Unibet come numero uno del mondo

Marin Cilic, battuto 14 volte di seguito da Novak Djokovic in otto anni frustranti, ha rotto l’incantesimo del serbo su di lui in due serie di ansietà nei quarti di finale del torneo dei padroni di fine stagione qui il Venerdì per mettere il regno del mondo di No1 da 122 settimane in Unibet grave pericolo.Andy Murray, che venerdì ha sconfitto Tomas Berdych, è una vittoria da superare Djokovic in vetta alla classifica.

Djokovic, sotto la pari ma pericoloso fino alla fine, ha risparmiato due punti ma non è riuscito a resistere il suo unico coniglio nel tie-break del secondo set e Cilic lo ha concluso 6-4, 7-6 in un’ora e 44 minuti.Andy Murray ha battuto Tomas Berdych al Paris Masters per chiudere sul punto No1 mondiale Leggi di più

“Ho giocato a tennis davvero intelligente dall’inizio alla fine”, ha detto il mondo n. 10 a bordo campo. “Abbiamo avuto un sacco di battaglie Unibet difficili negli ultimi due anni e questo mi ha aiutato oggi. Stavo davvero colpendo i posti. Alla fine, alcuni punti decideranno queste partite e sono contento di essere rimasto così forte.

“Mi sto semplicemente divertendo. Sono arrivato a Londra [per l’ATP World Tour Finals] e poi alla Davis Cup a casa.Spero di poter continuare a giocare così bene. ”

I sospetti che Djokovic non fosse in grado di sopportare un infortunio dopo una saltuosa conferenza stampa di giovedì sera sono stati dati di sostanza in un avvio lento, ma ha riparato il danno di una pausa iniziale. Il dottore del torneo ha dato a Djokovic una pillola dopo la lunga settima partita e il serbo ha iniziato a tossire leggermente prima di riprendere con una Unibet nuova racchetta, ma non con molta della sua abituale verve. Nel momento in cui avrebbe potuto imporre la sua volontà a un avversario che aveva sottomesso così spesso, Djokovic ha scaricato un rovescio della regola per dare a Cilic il set.L’utopia del mondo No1 era stata disturbata per la seconda volta in due giorni.

Giovedì, Djokovic è arrivato da dietro per battere Grigor Dimitrov, ma qui sono stati commessi 19 errori non forzati, molti dei quali sul suo diritto. prosciugando la sua potenza iniziale.

Cilic è cresciuto in un batter d’occhio, colpendo forte e pulito da terra, e Djokovic ha dovuto lottare per rimanere con lui. Il croato era stato mentalmente forte per un’ora. Ora aveva bisogno di fidarsi del suo gioco, di continuare a giocare i suoi colpi contro il miglior Unibet difensore dell’era moderna. Quando si rompeva per amare nel nono gioco, un rovescio stanco che trovava la rete, le spalle di Cilic si afflosciavano come  vecchie; ma la molla è tornata al suo passaggio quando Djokovic ha duplicato due volte per riportarli in parità.

Consapevole e sollevato, Cilic sapeva che non poteva sprecare troppe altre occasioni.Il dilemma di Djokovic era ancora più pressante. Cinque minuti dopo aver servito per il set, è andato in linea al 5-6 con la palla in mano per rimanere nel torneo.

Ha scelto di giocare piuttosto che macinare, dando la caccia alla rete invece di cercare il conforto della linea di base e ha consegnato a Cilic due punti di incontro con un dritto ribelle. Ha salvato il primo con un tiro al rovescio, il secondo con un dritto rovinoso da metà Unibet campo per due, e ha alzato le braccia verso la folla in festa. Quando ha costretto il tie-break con un abile vincitore nell’angolo dei due, è stato di nuovo eccitato.

Cilic, che aveva colpito nove assi, è andato al potere per prudenza, una doppia colpa lo ha limitato ad un 4-2 in vantaggio al passaggio.Non è stato così vicino a battere Djokovic da quando lo ha portato a cinque set nei quarti di finale a Wimbledon due anni fa, e un servizio in forte espansione per il rovescio di Djokovic gli ha dato altri quattro match point, il primo al suo servizio. Questa volta lo ha fatto, piantando il vincitore finale nell’angolo e facendo il bagno tra gli applausi di una folla scioccata.

La sequenza di balletti che porta il film An American a Parigi ad un meraviglioso climax è durata 17 minuti.Quando i due compagni occasionali John Isner e Jack Sock hanno fatto la loro cosa nei quarti di finale dei single qui venerdì, hanno allungato la loro amicizia sul Unibet campo a due ore e 17 minuti, l’uomo di leggenda della leggenda che ha prevalso per guadagnare la sua semi- finale contro Cilic.

Una partita tra Isner, la bestia che serve da 11 ore e 5 minuti in campo contro Nicolas Mahut a Wimbledon sei anni fa sarà per sempre il suo contributo decisivo al gioco, e Sock, il suo Nebraska amico, che in seguito avrebbe completato la sua 33esima partita in altrettanti giorni, aveva tre set scritti sopra.

E così avvenne – e lob, chip e volley – l’epilogo un finale insidioso per Isner , che ha servito per 7-6, 4-6, 6-4 dopo aver guidato 4-0 nel terzo.Sock, che ha raggiunto offerta di benvenuto Unibet quattro finali in quattro settimane per un ritorno di 12-4 in single e 14-1 in doppio, aveva ancora un doppio compito da completare più tardi nel corso della giornata, con un altro americano a Parigi, Nicholas Monroe.

È un modo fantastico per guadagnarsi da vivere.